Le News di Spille.com

Tutto sui distintivi.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

I distintivi nella storia hanno sempre avuto un valore importantissimo e di certo ce n'è una grandissima abbondanza.

Esistono migliaia di differenti tipi di distintivi, fino ad arrivare alle spille e spillette che sono sempre gli stessi oggetti ma in dimensioni assai ridotte.

Il termine distintivo ovviamente viene dal verbo distinguere e questi oggetti, dalla notte dei tempi, sono sempre serviti a rendere riconoscibile un ruolo o un'appartenenza.

Nell'esercito Italiano, ad esempio, cè in intero regolamento recante individuazione delle denominazioni, degli stemmi, degli emblemi e degli altri segni distintivi delle Forze armate, compresa l'Arma dei carabinieri, in uso esclusivo al Ministero della difesa. Questo fa subito capire quanto la materia sia delicata.

Ad esempio le organizzazioni non governativo (come per esempio le guardie forestali) indossano anche esse dei fregi e degli elementi per distinguersi ed anche questi sono sempre prima passati al vaglio di chi di dovere al livello governativo. Solo dopo le necessarie approvazioni tali enti possono dotarsi di questo tipo di articoli personalizzati.

Sempre in merito all'interesse suscitato da questo argomento possiamo ricordare che anche Il museo della guerra ha recentemente presentato un libro, anzi un vero e proprio catalogo che presenta una classificazione di migliaia di distintivi della collezione del Museo della Guerra, recentemente arricchitasi grazie all’importante donazione effettuata da Alberto Lembo. Per essere precisi questo catalogo si riferisce ad un tipo di distintivo specifico soprannominato Kappenabzeichen. Dal catalogo stesso si legge che: "Kappenabzeichen erano distintivi non regolamentari di tipo propagandistico e commemorativo prodotti per i soldati che li appuntavano sul berretto. Vennero coniati per ricordare i successi dei reparti di appartenenza e mantenere vivo lo spirito di corpo, rafforzare nei combattenti la fiducia nella propria superiorità sull’avversario, celebrare le alleanze, la fedeltà all’Impero e ai suoi sovrani, incitare l’esercito e la popolazione civile alla resistenza contro il nemico."

Per moltissimi anni questi elementi da indossare erano in metallo, spesse volte smaltati a mano, ma in epoca più recente si è passati, in molti casi, alla realizzazione in materiale plastico o composito per rendere le uniformi anche più leggere.

I segni distintivi sono moltissimi e in più ci sono anche i gradi, ulteriori elementi che servono a comunicare il livello gerarchico o di potere di chi li indossa.

Qui di seguito una foto di alcuni bellissimi distintivi militari e civili.

distintivi militari

Per chiunque volesse approfondire tali argomenti consigliamo il libro: 

Uniformi e distintivi dell'esercito tedesco 1933-1945
di Davis Brian L. edito da Albertelli, 1979

 

Buona lettura.

 

Our website is protected by OHSecurity!